Potenza, ieri il convegno “FermiamoLa violenza sulle donne”. Presente la Banca Monte Pruno

0
11

{vimeo}264737231{/vimeo}

Si è tenuto ieri pomeriggio a Potenza, presso il Museo Archeologico Nazionale, il convegno “FermiamoLa violenza sulle donne”. Ha riscosso grande successo e partecipazione questo incontro organizzato dall’Associazione Sinergie Lucane in collaborazione con la Banca Monte Pruno e all’Ordine degli Assistenti Sociali della Basilicata, sempre molto vigili sulle problematiche sociali. Al cospetto del numeroso pubblico presente è stato affrontato il tema della violenza di genere e del femminicidio, una delle piaghe più tristi del mondo odierno, creando spunti di discussione e riflessione sui motivi e sulle conseguenze di questo orrendo fenomeno. Presente all’incontro anche la Banca Monte Pruno, intervenuta con un apprezzato discorso introduttivo del Direttore Generale Michele Albanese che, per l’occasione, era accompagnato dal Vice Presidente Antonio Ciniello, dal Preposto alla filiale di Potenza Michele Landolfi, dal Responsabile della Segreteria di Direzione Antonio Mastandrea e dai dipendenti Raffaele Napoli e Teresa Viscardi. La Banca Monte Pruno è da sempre sensibile sui temi sociali di più stretta attualità, ed anche in questo caso non poteva che rispondere presente ad un evento che, oltre ad analizzare e dibattere il problema del femminicidio, ha messo in risalto mediante l’arte, il ballo e la poesia, l’intento di combattere e vincere la violenza di genere. La risposta del pubblico è stata calorosa come da previsione, a dimostrazione di quanto di buono è stato fatto sino ad ora per sensibilizzare sul fenomeno, definito all’incontro come ultimo rifugio degli incapaci e ormai chiamato in causa quotidianamente dai principali notiziari nazionali. Tuttavia c’è ancora moltissimo da fare per debellare questo male dalla società attuale, ragion per cui si spera in una moltiplicazione esponenziale di questi incontri, così da radicare definitivamente il rispetto della donna non solo a parole, ma anche con i fatti.

Federico D’Alessio

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here