Polla, indagini sul decesso del piccolo Nicholas, sequestrate le cartelle; si attende l’autopsia

0
344

La morte del bimbo di appena sei mesi, presso l’Ospedale Luigi Curto di Polla, lascia un profondo senso di sconcerto e amarezza in tutto il Vallo di Diano. Una morte assurda su cui, ora, gli inquirenti tentano di far luce, partendo dall’esame autoptico sul piccolo corpicino per cercare di capire cosa ha provocato la sua improvvisa morte, avvenuta presso il presidio ospedaliero, pochi minuti dopo il suo arrivo in pronto soccorso e, secondo quanto emerge, dopo aver vomitato.

Una tragedia avvenuta talmente tanto in fretta da richiedere ora accertamenti sulla causa, a seguito anche della denuncia dei genitori del piccolo che hanno voluto rivolgersi ai carabinieri per ricevere risposte chiare sulle cause che hanno portato al decesso del piccolo Nicholas. Il piccolo è deceduto lo scorso martedì, quando, nel pomeriggio, è giunto presso l’ospedale pollese accompagnato dai suoi genitori preoccupati per la sua salute. Pochi minuti dopo il suo arrivo in ospedale il bimbo pare abbia vomitato e, diventato cianotico, nonostante i tentativi dei sanitari di salvagli la vita, è purtroppo deceduto. Secondo una prima ipotesi, che resta comunque tutta da confermare, pare che il bimbo sia stato colpito da una forma di shock settico, che ha provocato l’arresto cardiocircolatorio.

Una ipotesi ancora tutta da confermare che, laddove l’esame autoptico accerti tale possibile causa, si tratta di una sindrome potenzialmente letale già di per se’ in quanto consiste in una sregolata risposta infiammatoria da parte dell’organismo corporeo e quindi di molti organi all’eventuale aggressione di batteri o comunque, più in generale, di agenti infettivi. Sarà dunque solo l’autopsia a poter chiarire l’accaduto e le cause che hanno portato al decesso improvviso di un bimbo di appena 6 mesi così come si potrà anche accertare se, la tragedia, poteva in qualche modo essere evitata. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Sala Consilina che hanno posto sotto sequestro le cartelle cliniche del piccolo.

Si tratta in ogni caso solo di una delle ipotesi su cui si sta lavorando come possibile causa di un decesso avvenuto in maniera improvvisa sul corpo di un bimbo appena nato. Ciò però, non esclude l’analisi di ulteriori ipotesi al fine di arrivare alla verità sul decesso di bimbo originario di Sala Consilina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here