Polla, domani la presentazione dello sportello informativo nel reparto di ginecologia del “Curto”

0
108

Prevista la scorsa settimana, è stata rinviata e si terrà domani, la conferenza stampa di presentazione dell’importante attività di sensibilizzazione promossa dal Consorzio Sociale Vallo Di Diano Tanagro Alburni e ASL Salerno, Distretto sanitario 72-Sala Consilina–Polla: uno sportello informativo all’interno del reparto di ginecologia dell’Ospedale Luigi Curto di Polla, finalizzato al sostegno alla famiglia, con particolare attenzione rivolta alla diade madre-bambino.

Un’azione proposta in modo condiviso dal Direttore del Distretto sanitario 72-Sala Consilina–Polla, Pasquale Vastola e dalla presidenza del Consorzio Sociale, Vallo di Diano Tanagro Alburni, affidata a Vittorio Esposito. Presso il reparto di ginecologia dell’Ospedale Curto opera già la dottoressa Angela Tortorella, dipendente del Consorzio Sociale con qualifica di Educatore, che ha avviato le attività previste.

Lo sportello mira a rafforzare e promuovere l’integrazione delle politiche sociali con quelle sanitarie, scolastiche, formative, dello sviluppo locale, delle pari opportunità, integrando in modo organico e condiviso le procedure sanitarie e quelle sociali, con l’obiettivo fondamentale dell’inclusione e della prevenzione del disagio nelle famiglie di nuova formazione, in difficoltà, considerando emergenza elettiva quella delle madri dei bambini a rischio sociale. L’iniziativa sarà presentata ufficialmente alla stampa domani, venerdì 3 febbraio, alle ore 11.00 presso la direzione sanitaria dell’Ospedale di Polla.

“L’accompagnamento di bambini e famiglie in situazione di vulnerabilità – ha sottolineato il presidente del Consorzio Vittorio Esposito – costituisce un ambito fondamentale del lavoro di cura e protezione dell’infanzia, inteso come l’insieme degli interventi che mirano a promuovere condizioni idonee alla crescita, a prevenire i rischi che possano ostacolare il percorso di sviluppo e a proteggere la salute e la sicurezza del bambino. Ecco perché la collaborazione instaurata con la ASL Salerno ed il Distretto Sanitario 72 risulta preziosa al fine di favorire l’integrazione delle politiche sociali con quelle sanitarie. Il nostro unico obiettivo – ha concluso il presidente Esposito – è favorire l’inclusione e la prevenzione del disagio nelle famiglie di nuova formazione, integrando in modo organico e condiviso le procedure sanitarie e quelle sociali”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here