Polla, alla riapertura dell’anno scolastico una cerimonia per Rocco Giuliano

0
36

{vimeo}590923566{/vimeo}

Il comune di Polla ha deciso di promuovere una nuova iniziativa per ricordare il compianto sindaco Rocco Giuliano, scomparso il 31 maggio del 2020 a Napoli, all’età di 75 anni. Si tratta di un opuscolo dedicato alla sua figura, che ne ricordi il valore di uomo e di politico, da distribuire nel corso di una cerimonia prevista in occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico.

Lo scorso anno, infatti, l’amministrazione comunale guidata da Massimo Loviso aveva deciso di intitolare alla memoria del compianto primo cittadino l’auditorium nel plesso scolastico Edmondo De Amicis. Ricordando che nella ricorrenza della morte dell’amato sindaco Giuliano era stata prevista la cerimonia inaugurale dell’intitolazione dell’auditorium poi rinviata per causa di forza maggiore, l’amministrazione di Polla, con una nuova delibera di giunta, ha deciso di organizzare la cerimonia in occasione della riapertura del nuovo anno scolastico 2021/2022. Per la celebrazione dell’evento ha previsto di realizzare anche una serie di iniziative volte proprio a ricordare “un uomo – si legge – che ha incarnato in pieno la figura del politico dalle grandi virtù umane, che si è speso quotidianamente e con tenacia per il proprio territorio conducendo con successo numerose battaglie politiche per la crescita socio-economica-culturale non solo di Polla ma dell’intero Vallo di Diano”.

Tra le iniziative in programma, oltre al materiale cartaceo e non, manifesti e inviti, l’amministrazione comunale di Polla ha ritenuto doveroso realizzare un opuscolo di commemorazione della figura di Rocco Giuliano da distribuire alle autorità che saranno presenti alla cerimonia e ai cittadini, soprattutto ai giovani, “come esempio e testimonianza – si legge ancora nella delibera – non solo delle qualità di amministratore e politico coerente, maturate in tanti anni di rappresentanza ad alti livelli, ma anche e, soprattutto, le doti di padre e di cittadino votato all’impegno sociale”.

Antonella D’ALTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here