PNCVDA, bus elettrici per aree marine di Santa Maria di Castellabate e Costa degli Infreschi

0
235

Bus elettrici per una mobilità sostenibile nelle aree di interesse paesaggistico e ambientale che ricadono nell’area protetta del Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano e Alburni. Nell’ambito della più vasta iniziativa ministeriale che punta a favorire un miglioramento delle condizioni ambientali in particolare nelle aree dei Parchi Nazionali e che vuole dunque portare ad una riduzione delle emissioni di co2, in linea anche con quanto stabilito dalla Nazioni Unite con l’Agenda 2030, l’ente parco presieduto da Giuseppe Coccorullo ha deciso di investire le risorse a disposizione nel miglioramento della mobilità aderendo partecipando così al bando per l’assegnazione dei fondi destinati alla tipologia 3 del programma “Parchi per il clima” che, nello specifico, assegna fondi per finanziare progetti destinati alla realizzazione di servizi ed infrastrutture per la mobilità sostenibile.

L’iniziativa messa in campo dell’ente parco prevede l’acquisto di due bus elettrici plug-in hybrid che consentiranno di ridurre notevolmente l’inquinamento provocato dalle emissioni di co2 dei veicoli oltre che garantire anche un risparmio economico. I due bus, grazie al motore plug-in, potranno così circolare tra i comuni senza eccessivi consumi potendo contare sulla dotazione di motori elettrici che si occuperanno oltre che dell’accensione del veicolo, anche di sostenere il cammino dello stesso fino all’esaurimento della batteria a litio c, comunque, fintanto che il mezzo viaggerà a bassa velocità. I due mezzi saranno messi a disposizione delle aree marine protette di Santa Maria di Castellabate e dell’area marina di Costa degl’Infreschi e Masseta.

“I due bus elettrici – spiegano dall’ente Parco – saranno affidati ai comuni delle aree marine protette, prendendo, allo stesso tempo anche l’installazione di due colonnine di ricarica elettrica per ogni comune. Soddisfatto dell’iniziativa il presidente del Parco Giuseppe Coccorullo. “Si tratta  -sottolinea Coccorullo –  di un intervento che certamente contribuirà a favorire la mobilità sostenibile nei comuni di Castellabate, Camerota e San Giovanni a Piro, soprattutto nei periodi di massima concentrazione di turisti e visitatori”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here