Parte dalla Asl Salerno il concorsone unico regionale per i pronto soccorso

0
433

Parte dall’Asl Salerno il concorsone unico regionale per i Pronto soccorso che punta a reclutare 363 dirigenti medici, di cui 112 nel salernitano: 84 andranno all’Asl e 28 al Ruggi.

È la prima procedura di questo tipo della Regione Campania che ha voluto l’azienda sanitaria salernitana come capofila del procedimento. Si tratta di una strategia nuova per consolidare le dotazioni organiche di tutte le Aziende Sanitarie regionali, che nelle scorse settimane hanno stimato direttamente il proprio fabbisogno, nella disciplina di medicina d’emergenza-urgenza e far fronte alla grave carenza di personale cronica che colpisce la disciplina dei medici dedicati ai Pronto Soccorso. Sarà realizzata una graduatoria unica regionale da cui poi attingere per le esigenze future.

Ringraziamo la Regione Campania e le altre Aziende. Come ASL – dichiara il Direttore Generale, l’ing. Gennaro Sosto – ci sentiamo investiti di una grande responsabilità. Anche sul nostro territorio viviamo da tempo l’ormai tragica difficoltà nazionale di reclutare personale per i Pronto Soccorso” “Il concorso unico regionale punta a centralizzare il reclutamento, a rendere più attrattivi i posti messi a bando per i Pronto Soccorso e mira a dotare in tempi rapidi tutti i PS, servizi imprescindibili e fondamentali per il Servizio pubblico regionale”.

Oltre ai medici specializzati nella disciplina possono partecipare al concorso: coloro i quali siano regolarmente iscritti al secondo anno del corso di formazione specialistica; i dipendenti in servizio a tempo indeterminato alla data del 2 febbraio 1998 presso le ASL e le Aziende Ospedaliere e che abbiano la qualifica di dirigente medico nella disciplina di concorso; coloro i quali abbiano maturato esperienza di almeno tre anni, anche non continuativi, nei servizi di emergenza-urgenza del SSN, anche con contratti di collaborazione coordinata e continuativa, con contratti di convenzione o altre forme di lavoro flessibile o che abbiano svolto un documentato numero di ore di attività equivalente ad almeno tre anni di servizio del personale medico del SSN.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here