Padula. Per agosto proposta isola pedonale in Piazza Umberto I, no dal Comune

0
3

{vimeo}352672197{/vimeo}

Il Comune di Padula non autorizza la costituzione di un’area pedonale in Piazza Umberto I. La proposta era arrivata qualche settimana fa dal Comitato civico locale, presieduto da Giuseppe Perito. “Presentata – assicuravano – con l’appoggio degli imprenditori del centro storico, collaborativi e disponibili anche a supportare i costi di eventuali strutture di intrattenimento, per grandi e piccoli, come giochi e zone di ristoro con tavolini e sedie. Si trattava di creare un’isola pedonale per le quattro domeniche di agosto.

Dal Comune, che inizialmente si era detto aperto a valutare la proposta, fanno sapere che da parte loro non c’è stata ancora alcuna risposta ufficiale.  Una domenica intanto è passata, la prossima è imminente. “È ormai palese – affermano dal Comitato – che la presente amministrazione non intenda favorire alcuna occasione di aggregazione o socializzazione dei propri cittadini”

La proposta era interessante. Dal Comitato chiedevano uno spazio riservato ai pedoni, nel caso specifico Piazza Umberto I, di cui poter godere in tranquillità almeno per quattro giorni in questa estate. Una Piazza popolata di sole persone, famiglie e turisti, è bella da vedere. Fa del centro storico un posto più a misura d’uomo e più attrattivo anche per chi viene da fuori. Quindi più vissuto. Un’idea da non demonizzare a prescindere, richiedeva solo un po’ di impegno nell’organizzazione.  

Per il Comitato, amareggiato, “la presente amministrazione declina qualsiasi proposta di partecipazione popolare alle attività pubbliche che pervenga da Cittadini “non amici”. Alla memoria di moltissimi cittadini, mai – sostengono – Padula ha vissuto un periodo così buio per la propria storia. Le persone temono di esprimersi pubblicamente e qualsiasi tentativo di aggregazione popolare viene boicottato o ostacolato. Ciò avviene con dinamiche diverse: non rispondendo alle istanze presentate, cercando di isolare o di mettere in cattiva luce proponenti e oppositori. Un auspicio di ribellione aperta a questo stato di soggezione – concludono – viene rivolta a tutti i Cittadini, ai giovani ed all’opposizione”.

Rosa ROMANO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here