Padula, la Certosa di San Lorenzo connessa alla rete ultraveloce

0
423

La Certosa di San Lorenzo a Padula connessa con il resto del mondo grazie alla rete ultraveloce di Open Fiber.  Gioiello artistico, il cui valore è stato riconosciuto a livello internazionale diventando Patrimonio Unesco nel 1998, la Certosa di Padula è stata dunque raggiunta dalla rete ultraveloce, attraverso un cablaggio che è stato effettuato nell’ambito del Piano BUL, progetto gestito dal MISE per la realizzazione di una rete a banda ultra larga che permetta di ridurre il digital divide nel nostro Paese.

L’obiettivo di Open Fiber è stato quello di dotare uno dei nostri beni culturali di una rete all’avanguardia che aprisse la strada a importanti innovazioni tecnologiche in ambito di promozione turistica e digitalizzazione, a vantaggio del territorio e dei cittadini, come ha spiegato Vincenzo Gallo, regional manager Campania-Basilicata Open Fiber.

“Per il cablaggio della Certosa di Padula – fanno sapere da Open Fiber – abbiamo utilizzato infrastrutture esistenti, ove già presenti, mentre nei punti in cui non era possibile, abbiamo effettuato degli scavi che ci permettessero di intercettare il cavo in arrivo. In questo modo abbiamo portato la fibra ottica nel cuore della Certosa senza intaccarne la ricchezza storica e culturale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here