Padula, ieri il convegno su “Processo a Gesù-le suggestioni del processo mediatico”

0
10

{vimeo}123489103{/vimeo}

Il caso di Gesù con la condanna alla crocifissione è un tema che, pur avendo attraversato oltre 2 millenni resta attuale con i limiti che incidono sulla giustizia giusta. E’ quanto emerso dall’incontro di ieri sera presso l’auditorium della parrocchia di Sant’Alfonso a Padula organizzato dall’Unione Giuristi cattolici Italiani sez. di Sala Consilina presieduta da Angelo paladino, all’incontro erano presenti oltre al sindaco di Padula Paolo Imparato per i saluti istituzionali, anche il sen. Avvocato Michele Pinto, l’Avvocato Renivaldo La Greca, e il presidente del Tribunale di Lagonegro Matteo Zarrella. A concludere i lavori di discussione e approfondimento della tematica, moderati da Angelo paladino, il Vescovo della Diocesi di Teggiano Policastro Mons. Antonio De Luca. Il tema “Processo a Gesù – le suggestioni del processo mediatico” ha offerto interessanti spunti di riflessione che mettono al centro i limiti della giustizia sommaria, portando a confronto il caso di Gesù con un processo realizzatosi lontano dalle camere di competenza e con la decisione giunta a seguito della manifestata volontà del popolo. Un processo realizzato senza un’accusa ben definita e senza che siano state valutate prove. Un po’ ciò che accade ai giorni nostri nei diversi salotti televisivi. Nel corso dell’incontro è stata evidenziata l’importanza di trasferire e di informare l’opinione pubblica di ciò che accade purché poi non si trasformi nel primo giudice anche perché la volontà popolare, come accaduto nel caso di Gesù, non sempre è nel giusto. Ripercorrendo quindi la passione di Cristo che in poche ore aveva portato un uomo libero all’arresto e alla crocifissione, con la sua storia tramandata nei millenni attraverso l’immortale vangelo si p cercato di ripercorrere quella che è l’attualità della giustizia, in un convegno di grande interesse soprattutto perché è riuscito ad evidenziare la stretta relazione che intercorre tra religione, storia, giustizia e informazione 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here