Padula, gli studenti del liceo “Pisacane” al Maker Faire Rome

0
139

I ragazzi del liceo scientifico “Carlo Pisacane” di Padula protagonisti di un’altra interessante iniziativa. Sono stati infatti a Roma per prendere parte al Maker Faire Rome, il più grande evento europeo sull’innovazione: dalla manifattura digitale all’Internet of Things, dalla robotica all’intelligenza artificiale, dall’economia circolare all’agritech, dal digital manufacturing agli e-sports, passando per i big data e l’aerospazio, fino alle ultime scoperte del metaverso e della realtà aumentata. 16 gli alunni del Pisacane dell’indirizzo Scienze Applicate che hanno potuto partecipare all’evento, nell’ambito del progetto FabLab.

La manifestazione ha ospitato anche un’area Ed Tech con tante proposte di attività didattiche e laboratori, riunendo innovatori, maker, ricercatori e appassionati da tutta Europa. Gli studenti del progetto FabLab delle scuole del Vallo di Diano, ognuna con il proprio laboratorio, hanno avuto modo di conoscere le principali innovazioni del settore e di acquisire ulteriori competenze specifiche. In particolare, con il laboratorio 3D, nel padiglione 3 “Make”, sono stati esposti i progetti più “maker” con l’elettronica, la componentistica, la stampa 3D, la manifattura digitale, l’automazione industriale e la ricerca spaziale. Il padiglione 4 “Life”, invece, è stato dedicato al laboratorio Agricoltura, lo spazio dell’agrifood, dell’economia circolare, delle energie rinnovabili e, in generale, dei progetti legati alla sostenibilità ambientale.

Il padiglione 5 “Discover” per il laboratorio Costruzione Ambiente e Territorio e 3D, era il regno dell’intelligenza artificiale, della robotica, della realtà virtuale e aumentata e della sicurezza informatica. I padiglioni 6, 7 e 8, rispettivamente “Research”, “Play” e “Learn”, erano dedicati all’innovazione e ai progetti legati a salute, benessere e alla ricerca medico scientifica, allo sport innovativo nelle sue espressioni più all’avanguardia, all’apprendimento, alla sperimentazione formativa e del gioco nel senso più completo del termine. Per gli studenti del Pisacane si è trattato dunque di una ulteriore bella esperienza di crescita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here