Padula. Domani il protocollo d’intesa tra Comune e Associazione nazionale Testimoni di Giustizia

0
21

{vimeo}256055048{/vimeo}

La Certosa di San Lorenzo a Padula sarà teatro di un nuovo e importantissimo incontro che darà ulteriore impulso e slancio al progetto di sensibilizzazione ed educazione alla legalità.

Il presidente dell’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia Ignazio Cutrò, a distanza di poche settimane, tornerà ad essere protagonista del progetto di “Prevenzione della Corruzione” promosso dal Comune di Padula e giunto alla seconda edizione, per arricchire il progetto con la stipula di un protocollo d’intesa che vedrà l’associazione di cui è presidente, partner dell’iniziativa con l’istituzione anche di una sede della stessa associazione a Padula.

Domani mattina alle ore 10,30 presso la sala conferenza della Certosa di San Lorenzo la sottoscrizione dell’accordo tra il comune di Padula e l’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia.

Lo scorso dicembre Ignazio Cutrò, invitato a partecipare come testimone della seconda edizione di “Prevenzione della Corruzione – testimonianze da Joe Petrosino ai giorni nostri” ha elogiato il progetto realizzato in collaborazione con il Liceo Scientifico Carlo Pisacane e che gode anche del sostegno della Prefettura di Salerno e, da quest’anno, anche dell’Associazione Libera, accettando l’invito ad essere parte dell’iniziativa con la sua associazione avvicinandola al territorio valdianese e ai suoi giovani con l’apertura di una sede a Padula, organizzando e sostenendo eventi incentrati su temi della legalità, lotta alla corruzione e contrasto alla criminalità, oltre che a tenere alcune riunioni e assemblee nazionali nella città della Certosa.

La sottoscrizione del protocollo sarà anche occasione per tornare a parlare di legalità e dell’importanza di diffondere i valori del rispetto delle regole e delle leggi con testimonianze di chi non si è arreso, perseguendo sempre la strada della giustizia fino ad essere oggi esempio di come la legalità può e deve vincere.

Presenti infatti domani come ospiti d’onore, insieme a Ignazio Cutrò che porterà la sua testimonianza di imprenditore che non si è piegato alla mafia, anche Giuseppe Carini, testimone di giustizia nel nome di Padre Pino Puglisi e Gennaro Ciliberto funzionario che ha detto no alla corruzione negli appalti.

La giornata di domani, moderata da Antonella Citro, i cui lavori saranno introdotti da Francesco Cardiello segretario comunale e responsabile del progetto di prevenzione della corruzione, vedrà la presenza del sindaco di Padula Paolo Imparato, della dirigente scolastica dell’istituto omnicomprensivo di Padula Liliana Ferzola, di Filomena Chiappardo assessore alla cultura e del giornalista Giampiero De Luca. Le conclusioni saranno affidate al dott. Vittorio Russo, procuratore della repubblica presso il tribunale di Lagonegro       

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here