Padula, alla Comunità Montana sotto i riflettori il Piano di Sviluppo del Vallo 2014/20

0
15

{vimeo}91715029{/vimeo}
Agricoltura, ambiente ed energia sono stati i temi al centro del primo Focus Group svoltosi ieri a Padula, presso la sede della Comunità Montana Vallo di Diano, nell’ambito del Progetto supportato per l’ente montano dall’Agenzia Territorio e finalizzato all’elaborazione del Piano Pluriennale di Sviluppo Socio-Economico per il periodo 2014-2020. Il progetto ha già prodotto una serie di studi e approfondimenti confluiti nella predisposizione di un Preliminare del Piano, e passa ora alla fase 2 che prevede la condivisione con i portatori di interesse territoriale, attraverso la tecnica partecipativa dei Focus Group. Il primo incontro, svoltosi ieri a Padula, è stato dedicato ad “Agricoltura, Ambiente ed Energia”, e sarà seguito da un secondo appuntamento che invece verterà su “Sistemi produttivi e lavoro”. Lo scopo dell’ente montano valdianese è quello di analizzare il quadro conoscitivo del Vallo di Diano, individuare i fabbisogni e proporre le strategie di sviluppo territoriali. Il tutto in un’ottica caratterizzata dalla condivisione con gli attori istituzionali, pubblici e privati, dello sviluppo, operanti nel Vallo di Diano. Per questo motivo la Comunità Montana ha esteso infatti l’invito a partecipare ai Focus Group alle organizzazioni di categoria, sindacali, professionali, culturali e imprenditoriali valdianesi, per instaurare un più ampio dibattito sui fondamentali temi della programmazione regionale. Un invito che però, nonostante gli sforzi dell’ente montano valdianese, ancora una volta non è stato recepito da tutti gli attori interessati, a dimostrazione che quello della compartecipazione alla programmazione e alla progettazione condivisa resta il tallone d’Achille del Vallo di Diano. Chi si aspettava anche la presenza di tutti gli amministratori territoriali è rimasto deluso, salvo rare eccezioni. Dunque si continua a mancare proprio nelle occasioni che invece potrebbero dare una svolta condivisa allo sviluppo futuro prossimo venturo del territorio, preferendo andare avanti disordinatamente e per conto proprio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here