Omicidio Vassallo, nuovi accertamenti sul telefono di uno degli indagati. I fratelli: il cerchio si stringe

0
216

Novità sull’omicidio di Angelo Vassallo. Il prossimo 13 marzo si svolgeranno gli accertamenti tecnici non ripetibili sul telefono intestato ad uno degli indagati.  Ad annunciarlo i fratelli Dario Vassallo e Massimo Vassallo,  Presidente e Vicepresidente della Fondazione intitolata al Sindaco Pescatore.

“Il cerchio si stringe” commentano.

“Siamo sempre più vicini alla verità. Non ci siamo mai arresi – dicono – Siamo stati derisi negli anni per le nostre ricostruzioni, a fronte di prove inquinate dai continui depistaggi istituzionali fin dal primo giorno. Sono coinvolti uomini delle istituzioni. Lo denunciamo da sempre. La scena dell’omicidio è stata inquinata. Tuttavia la ripresa dell’inchiesta, e il nuovo slancio dopo il rischio di archiviazione che siamo riusciti ad impedire, mostrano quanto la nostra ricostruzione della vicenda trovi riscontro nella realtà. Finalmente il recente dossier desecretato realizzato dall’ex Commissione Parlamentare Antimafia e le recenti indagini della magistratura danno fondamento a quella dinamica che abbiamo ricostruito a fatica, giorno dopo giorno, ricercando, macinando migliaia di chilometri, studiando delibere, atti, mettendo insieme i pezzi come in uno sconfinato puzzle. Angelo era un uomo dello Stato, lasciato solo nel contrasto all’illegalità. Lo abbiamo ribadito anche alla Camera dei Deputati: l’omicidio di nostro fratello è stato un omicidio politico-mafioso. Di conseguenza ci sono due verità, una verità giudiziaria e una verità politica. A nostro fratello ci pensiamo tutti i giorni, in ogni momento. Da 12 anni viviamo per trovare la verità. In tutti questi anni abbiamo chiesto tante volte ai vari segretari del Partito Democratico di fare chiarezza sul comportamento di alcuni loro iscritti, che hanno sempre ostacolato Angelo e la Fondazione a lui dedicata nelle attività. Presto come Fondazione scriveremo al nuovo segretario del Elly Schlein per confrontarci. Tanti cittadini cilentani sono in debito nei confronti di Angelo. Ci battiamo per dimostrare che esiste un Sud che lotta per la legalità e per difendere i valori della Costituzione. Come faceva Angelo. Ringraziamo la Procura Antimafia di Salerno e l’Arma dei Carabinieri per questo lavoro incessante che stanno portando avanti per arrivare alla verità. Oggi la nostra missione di vita è rendere giustizia ad Angelo, vittima innocente di mafia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here