Oggi, 21 giugno, è la Giornata mondiale contro la SLA

0
12

{vimeo}276209158{/vimeo}

Oggi, 21 giugno, giornata mondiale contro la Sla – Sclerosi Laterale Amiotrofica che conta circa 400 mila malati in tutto il mondo interessando anche il Vallo di Diano con un numero crescente di casi. A ricordare questa mattina la giornata mondiale della SLA è stato il Dott. Pietro Greco, con un post pubblicato sulla pagina facebook del gruppo Difendiamo le Nostre strutture sanitarie.

Presso l’ospedale Luigi Curto di Polla, peraltro, grazie all’impegno del Dott. Greco, è possibile effettuare una nuova terapia farmacologica a base di Edaravone, farmaco che rallenta il percorso degenerativo della patologia. La SLA, è una malattia che colpisce tutti i muscoli del corpo, compreso il cuore, provocando l’inabilità al 100% dell’individuo affetto e conducendolo alla morte. In questa giornata dedicata alla lotta contro la SLA, un pensiero va anche alle famiglie costrette che si prendono cura del proprio caro mentre la ricerca prosegue raggiungendo risultati importanti per rallentare il decorso della malattia e migliorare sempre la qualità di vita del paziente. Anche i ricercatori italiani stanno offrendo un importante contributo alla ricerca ma c’è ancora tanto da fare ed è necessario conoscere effettivamente le condizioni difficili in cui è costretto a vivere la persona affetta dalla malattia e le persone che gli stanno accanto.

“Sono pazienti grandi – racconta il Dott. Pietro Greco che, nell’ambito del suo lavoro vive a contatto diretto con persone affette da SLA e le loro famiglie – dotati di tanto coraggio, umanità e forza, ben consapevoli di questa tremenda patologia. Nel Vallo di Diano, ci sono pazienti assistiti domiciliarmente col supporto indispensabile delle strutture sanitarie e dei familiari che non vanno lasciati soli. Da mesi – prosegue il Dott Greco – Continuiamo le terapie in ambiente ospedaliero per alcuni pazienti, Col supporto dell’Asl, delle direzioni sanitarie dei presidi coinvolti, del Ruggi di Salerno centro di riferimento epr il salernitano. Pazienti da ammirare per la forza di raccontare la loro vita con la SLA con la pubblicazione di libri come “Un calcio alla SLA” con l’ausilio di un comunicatore visivo o “Pensieri sla.. cciati” in presentazione prossimamente. Sono guerrieri immensi, dotati di una armatura ferrea: Il cuore. Abbracciamoli e amiamoli – conclude Dott. Pietro Greco – Seguiamoli nel loro percorso”.

Anna Maria CAVA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here