Nasce il Comitato NO al Comune Unico Città Vallo, Salvatore Gasparro tra i promotori

0
13

{vimeo}260930037{/vimeo}

 Mentre da diversi anni ci si batte per l’istituzione del Comune Unico Vallo di Diano, arriva ora una voce contraria al progetto. Da diversi anni è in campo un comitato che, di settimana in settimana, organizza incontri per spiegare le ragioni del si costituzione di un’unica città in cui dovrebbero identificarsi tutti i comuni valdianesi. Un progetto promosso da Carmelo Bufano e che ha visto tra i firmatari della proposta di legge anche numerosi cittadini. Ora invece Salvatore Gasparro annuncia la costituzione, che avverrà domani 21 marzo, di un Comitato per il NO al Comune unico Città Vallo di Diano che, senza colore politico e appartenenza partitica, si pone come finalità l’opposizione alla proposta di legge per l’istituzione del comune unico attraverso la fusione dei 15 comuni valdianesi.

“Il Comitato – fa sapere Salvatore Gasparro – si dichiara contrario alla fusione dei Comuni ed in particolare a questo progetto, che nella sua proposta (attualmente all’esame della Regione Campania) risulta carente di ogni contenuto tecnico e pratico sulle modalità attraverso le quali si realizzerebbe una eventuale fusione. Nessuna spiegazione – sottolinea – viene data relativamente alle funzioni, ed inoltre risultano assenti necessari e validi studi economici sul potenziale impatto socio-economico per gli abitanti dei singoli paesi coinvolti in questo progetto. Restano quindi una totale incognita gli effetti che l’istituzione del Comune Unico potrebbe causare alle comunità del Vallo di Diano”. Secondo quanto spiegato dai promotori il Comitato dichiara la sua contrarietà al progetto manifestando anche preoccupazione avendo notato una certa insistenza da parte dei promotori, nel reclamare un referendum che ancora non è stato regolamentato dalla Regione Campania stessa. “Non tranquillizzano affatto – scrive ancora Gasparro a nome del comitato – le affermazioni dei promotori, secondo i quali si tratterebbe di un “referendum consultivo, quindi senza la necessità del raggiungimento del quorum (modalità molto antidemocratica)” Nasce quindi il comitato “No al Comune Unico Città Vallo di Diano” che si pone come obiettivo la salvaguardia delle identità storico culturali dei singoli Comuni valdianesi, invitando all’adesione tutti i cittadini residenti dei vari Comuni contrari a questo progetto di legge.

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here