Montesano scalo, ieri sera la prima edizione del Premio I sogni di Rosemary

0
6

{vimeo}617867867{/vimeo}

Intense emozioni ieri sera a Montesano dove la famiglia Manilia ha ricordato, insieme a quanti l’hanno voluta bene la piccola Rosemary, deceduta a causa di una malattia lo scorso anno lasciando però di se un piccolo diario che, oggi, è diventato un libro consentendole di continuare a vivere e lasciare messaggio di forza, coraggio e amore, attraverso quelle pagine scritte e ora rilegate dai genitori Giuseppe e Rosita che hanno voluto con forza realizzare il suo sogno di vederle stampate.

Il ricavato di quel libro, nella serata di ieri, donato ai Sostenitori dell’Ospedale Santobono di Napoli che, per tanti anni ha ospitato e accolto come in una famiglia Rosemary per le cure che la malattia le aveva imposto. Ieri sera, la prima edizione del Premio “I Sogni di Rosemary” che sarà assegnato, ogni anno, ad una personalità di spicco del Sistema Sanitario Nazionale. A ricevere il premio ieri sera il Dott. Giuseppe Cinalli, esperto in Neurochirurgia e Neurochirurgia Pediatrica e Direttore del Dipartimento di Neuroscienze e il Responsabile del Dipartimento di Neurochirurgia Pediatrica presso l’Ospedale Pediatrico Santobono-Pausilipon di Napoli.

La consegna del premio è stato uno dei momenti più emozionanti della serata per le parole del Dott. Cinalli che ha evidenziato la forza dei genitori di Rosemary e soprattutto della mamma Rosita che, oltre ogni avversità, è riuscita a far si che la sua amata bambina continuasse a vivere e ad essere presente nella vita di quanti l’hanno amata, con la stessa bellezza d’animo di sua figlia. Emozione tra i sorrisi nel momento finale quando è stato presentato il video della canzone scritta per Rosemary e cantata dal coro del Sacro Cuore Eucaristico di Montesano Scalo, diretto da don Donato Ciro Varuzza, insieme a Rosita e Giuseppe Manilia, con arrangiamenti musicali del maestro Leo Giuliano. Un videoclip il cui montaggio è stato affidato a Nicola Bianculli e Alfonso Tepedino. Una canzone che tra i sorrisi e la musica ha emozionato profondamente i presenti.

Anna Maria CAVA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here