Monte Cervati, l’8 Giugno il delegato di Papa Francesco al Santuario della Madonna della Neve di Sanza

0
8

{vimeo}85826977{/vimeo}
Da oltre 1.500 anni, per circa venti chilometri di sentieri e tratturi di montagna, fin sulla Vetta del Cervati, si ripete la tradizione della ”Stipa” con la Madonna della Neve che, per ben due volte in nove giorni, viene portata in processione da giovanissimi, di corsa senza fermarsi, per circa quattro ore, passando da 460 a 1.898 metri d’altitudine. Fino ad arrivare alla cappella in massi di pietra, lavorati a scalpello, edificata dalla Università della terra di Sanza prima del secolo 900. Fu il compianto vescovo Bruno Schettino ad elevare la cappella rupestre su Cervati a Santuario Diocesano, nel 1984. Ora, a trent’anni esatti, per volontà del vescovo della diocesi di Teggiano-Policastro monsignor Antonio De Luca, si avvicina un nuovo storico appuntamento: la visita del delegato pontificio, il prossimo 8 giugno in vetta al Cervati. A dare la notizia il Corriere del Mezzogiorno, con un articolo a firma di Lorenzo Peluso. Il Santuario della Madonna della Neve sul Monte Cervati a Sanza, si prepara infatti ad ospitare la presenza del segretario di Papa Francesco, monsignor Alfred Xuereb, ed a vivere un momento davvero importante e significativo per la chiesa salernitana e per l’antica Arciconfraternita Maria Santissima della Neve, che ha avuto delega dal Vescovo di Teggiano-Policastro di preparare nel dettaglio l’appuntamento. La visita dell’alto prelato romano è prevista nell’ambito dell’apertura del Santuario, posto a 1898 metri di altitudine, sulla vetta più alta della Campania. Appartenere alla millenaria Arciconfraternita, per la comunità sanzese, rappresenta un orgoglio delle singole famiglie che viene tramandato da generazione in generazione. Indossare la fascia rosso porpora, con la effige della Santa Vergine, è una vera e propria missione, affidata dai capi famiglia, ai più giovani. L’Arciconfraternita, è guidata dallo scorso 26 dicembre dal neo priore Antonio Laveglia, che non nasconde il suo entusiasmo: “Si tratta di una grande responsabilità — sottolinea — ma siamo già a lavoro per questo importante appuntamento per il quale si prevede la presenza di migliaia di fedeli presso il Santuario della Madonna del Cervati”. Monsignor Xuereb è una figura di primo piano in Vaticano: prima di Papa Francesco, è stato anche segretario personale di Benedetto XVI, ma ancor prima ha lavorato con Papa Giovanni Paolo II. Curatore delle sue udienze, leggeva e sistemava i discorsi, e lo stesso Papa Wojtyla gli concedette un riconoscimento d’onore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here