Maturita’ 2018. Bassani e la costituzione tra le tracce della prima prova di italiano

0
10

{vimeo}275994991{/vimeo}

Alle 8.30 di questa mattina è finita l’attesa per mezzo milione di studenti italiani alle prese con gli esami di maturità. Dal ministero la scelta per l’analisi del testo è ricaduta sul brano tratto dal romanzo di Giorgio Bassani «Il giardino dei Finzi-Contini» che ha come tema centrale l’antisemitismo e il brano raccolta “gli orrori della persecuzione fascista e razzista, la crudeltà della storia, l’incantesimo dell’infanzia e la felicità del sogno”.

Per quanto riguarda il tema di attualità, quello di ordine generale, si chiede allo studente di analizzare il principio dell’eguaglianza formale e sostanziale nella Costituzione sancito nell’articolo III: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali”. Per il tema storico la traccia chiede di parlare della Cooperazione Internazionale, con riferimenti ad Alcide De Gasperi e Aldo Moro. Per i quattro saggi brevi, quello di ambito Storico-Politico ha per oggetto masse e propaganda, con brani di Giulio Chiodi e Andrea Baravelli.

L’ambito Artistico-Letterario esplora «i diversi volti della solitudine nell’arte e nella letteratura» (‘La vita solitaria’ di Francesco Petrarca, un estratto di ‘Uno, nessuno e centomila’ di Luigi Pirandello, ‘Ed è subito sera’ di Salvatore Quasimodo, la poesia di Alda Merini «La Solitudine», una poesia di Emily Dickinson e immagini di opere di Giovanni Fattori, Munch, Hopper). Per l’ambito Tecnico-Scientifico va affrontato il dibattito bioetico sulla clonazione (con un articolo di Elisabetta Intini tratto da Focus.it). Ambito Socio-Economico: la creatività, dote d’immaginare, come risultato di talento e caso.

Sei ore di tempo per la prima prova poi domani la seconda prova con durata variabile a seconda delle discipline mentre lunedì 25 giugno la terza prova. Sarà l’ultimo anno del tradizionale esame di maturità poiché la riforma Fedeli dal prossimo anno introduce importanti novità: salta il “quizzone” (il terzo scritto); via la tesina, che verrà sostituita da una conversazione volta ad accertare “competenze, capacità argomentativa e critica e l’esposizione delle attività svolte in alternanza scuola-lavoro”; obbligo di aver partecipato alle prove Invalsi (che non influiranno sul voto finale) per essere ammessi all’esame.

Giuseppe Opromolla

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here