Marina di Camerota, aggressione al Meeting del Mare ad un 20enne da un gruppo di bulli

0
237

È venuta alla luce solo nelle scorse ore e per volontà di una coppia di genitori preoccupati ed indignati per quanto accaduto al loro figlio nei giorni scorsi in occasione delle serate del Meeting del Mare a Marina di Camerota. Un’aggressione brutale a danno del giovane appena 20enne che, secondo quanto emerge, si era reso responsabile solo ed esclusivamente della difesa di suo cugino da un gruppo di bulli che lo stavano infastidendo. La reazione dei giovani balordi è stata tremenda con il 20enne che è stato più volte colpito con calci provocandogli contusioni e ferite in più parti del corpo.

Il 28esimo Meeting del Mare, che si è svolto dal 31 maggio al 2 giungo scorso, purtroppo è stato anche teatro di violenza ingiustificata ed inaudita che, però, è stata resa nota solo qualche giorno dopo con la denuncia partita dai genitori della vittima che hanno raccontato e stanno vivendo le drammatiche conseguenze della vile aggressione. Secondo quanto raccontato, pare che il giovane, in occasione della festa che si tiene ogni anno a Marina di Camerota, insieme ad amici stava trascorrendo alcune ore di serenità in un locale del posto. All’improvviso nota il cugino vittima di alcuni ragazzi più grandi e decide dunque di intervenire in sua difesa. Un gesto protettivo che gli costerà caro con il gruppo di balordi di una decina di anni più grandi della vittima, si scagliano contro il giovane colpendolo ripetutamente ed in più parti del corpo con calci e pugni. Colpi che lo avrebbero anche raggiunto alla nuca. Dopo l’aggressione il ragazzo ha iniziato a stare male e ad accusare coniati di vomito con perdite di sangue. Immediatamente portato presso l’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania i medici hanno provveduto a stabilizzarlo con una prognosi di 40 giorni.

Nelle successive ore, però, la situazione non è migliorata ed il 20enne ha continuato ad accusare forti malori tanto da costringere i genitori, preoccupati per il suo stato di salute, a chiedere l’intervento dei sanitari con il giovane che è stato dunque portato presso l’Ospedale dell’Immacolata di Sapri per ulteriori accertamenti sulla sua reale condizione fisica e sulle conseguenze della terribile violenza subita. Da una serata che doveva essere tranquilla e dedicata solo al divertimento, si è passati, per un gruppo di giovani, a vivere un vero e proprio dramma. I genitori del giovane si sono rivolti dunque ai carabinieri per presentare formale denuncia contro i responsabili della violenza, mentre monta la rabbia anche tra le comunità non solo coinvolte ma anche al di fuori dell’area di competenza per quanto accaduto, chiedendo che sia fatta giustizia e che i responsabili paghino caramente per l’assurda aggressione totalmente ingiustificata e violenta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here