Incendi boschivi, nel 2023 in provincia di Salerno bruciati 99 ettari di superfici forestali

0
114

La provincia di Salerno, nel 2023, è stata in balia dei piromani. Dal Rapporto Incendi Boschivi 2023 ISPRA risulta 17esima nella classifica delle province italiane più colpite e prima in Campania che è la più esposta agli incendi dopo Sicilia, Calabria e Sardegna.

Nel 2023, in Italia, è bruciato una superficie complessiva di 1073 km2 (quasi un terzo della Valle D’Aosta) quindi +36% delle superfici rispetto all’anno precedente. Gli incendi avvenuti in Italia nel 2023 sono risultati rilevanti sia per l’estensione complessiva delle aree colpite (inferiore solo al 2021 negli ultimi sei anni) sia perché hanno colpito sistematicamente solo alcune province.

E tra le prime 20 c’è la provincia di Salerno con 99 ettari di superfici forestali percorse da incendio senza contare le aree non classificate.

“Un’emergenza che rischia di proporsi anche quest’anno ai primi caldi, con un danno economico e ambientale incalcolabile – commenta il direttore di Coldiretti Salerno Enzo Tropiano – e la situazione rischia di aggravarsi con l’abbandono dei rifiuti nelle aree rurali. Il nostro invito alle amministrazioni locali è di incrementare i sistemi di prevenzione e vigilanza attiva; serve potenziare le dotazioni e il personale volontario delle squadre antincendi boschivi presenti in tutti i Comuni ma, soprattutto, sollecitiamo una puntuale gestione della pulizia dei boschi e delle aree rurali che possono essere affidati anche alle aziende agricole che possiedono i mezzi, il personale e l’esperienza per svolgere un lavoro a beneficio di tutta la comunità. Gli agricoltori rappresentano una rete naturale e diffusa di sorveglianza, senza la quale il conto delle devastazioni sarebbe molto più pesante e sono anche esposti a gravi rischi, specie in una situazione dove la siccità e le alte temperature favoriscono l’espandersi rapido delle fiamme”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here