Il 3 luglio a Roma la presentazione del docufilm realizzato con la Fondazione Monte Pruno

0
266

Sarà presentato il 3 luglio a Roma, il docufilm “I segreti dei luoghi perduti – Viaggio tra natura e storia nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni”, l’opera sulle aree interne realizzata nell’ambito del Progetto “Ciak si Gira, il Cineturismo”, della Fondazione Monte Pruno, con la collaborazione della BCC Monte Pruno e di dLiveMedia. Dopo la presentazione a dicembre, al Ministero dei Beni Culturali a Roma, e la realizzazione delle riprese iniziate a febbraio e terminate a fine aprile, l’attesa presentazione ufficiale del docufilm è dunque prevista il 3 luglio.

Alle 11:45, la conferenza stampa, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio, con l’introduzione del Direttore della Fondazione Monte Pruno Antonio Mastrandrea, gli interventi dell’On. Gianluca Caramanna, Membro Vigilanza RAI, di Roberto Vargiu, Direttore dLiveMedia Manager Event, e di Michele Albanese, Presidente Fondazione Monte Pruno; moderati dal giornalista Alberto Caccia. Terminati i lavori mattutini, alle 16:00, la Casa del Cinema, Sala Fellini, a Villa Borghese, accoglierà la proiezione del docufilm, anticipata dai saluti istituzionali che vedranno anche la presenza degli attori protagonisti Bianca Nappi e Simone Montedoro. Il progetto nasce dalla volontà della Fondazione Monte Pruno di concretizzare una serie di azioni già promosse anche dalla BCC Monte Pruno, che puntano a dare risalto ed attenzione alla bellezza delle aree interne ed a quei luoghi poco conosciuti, in particolar modo, gli Alburni ed il Cilento interno, ma anche il Vallo di Diano, con la volontà di mettere in atto un’azione di marketing territoriale per attirare attenzioni verso scenari paesaggistici e naturalistici unici, auspicando che possano diventare di interesse per nuovi lavori cinematografici.

Il docufilm, diretto da Elio Di Pace, vede la fotografia di Guglielmo Lipari, coadiuvati da Alfonso Ruggiero e da Alessandro D’Aniello; il post editing è stato affidato a Raffaele Morrone ed il mix e la sonorizzazione a Vincenzo Siani, con le musiche di Valentina Iannone e gli arrangiamenti del famoso batterista Phil Mer. “Siamo entusiasti di condividere insieme questo importante traguardo della Fondazione Monte Pruno -. ha affermato il presidente Michele Albanese –  e per celebrare, in luoghi così prestigiosi, il valore della cultura e del cinema italiano. Inoltre, desidero sottolineare il valore e la bellezza dei borghi poco conosciuti ma incredibilmente belli dei nostri territori interni e ben documentati nel nostro docufilm. Questi luoghi incantevoli sono ricchi di storia, tradizioni e atmosfera uniche, che meritano di essere valorizzate e preservate”.

Nel ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del docufilm, il presidente Albanese conclude che “È stato un grande lavoro di squadra con un unico obiettivo, valorizzare territori poco conosciuti e realizzare un progetto cinematografico di valore che possa essere utilizzato, ovunque, per far conoscere luoghi speciali, ricchi di segreti e con potenzialità infinite”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here