Grotte Pertosa-Auletta, anche quest’anno da San Valentino parte una nuova stagione

0
298

Le Grotte di Pertosa-Auletta, il Museo del Suolo e il Museo Speleo Archeologico riaprono al pubblico in occasione della festa degli innamorati. Il consueto periodo di fermo biologico sta per terminare, i lavori di manutenzione sono finiti e, come ogni anno, il giorno della riapertura coincide con San Valentino. Parte così, da mercoledì, una nuova stagione.

Con la riapertura torna il KissTicket, che quest’anno è valido per cinque giorni. Dal giorno di San Valentino e fino al 18 febbraio: nel giorno dedicato agli innamorati e per tutta la “Settimana dell’Amore” fino a domenica, ogni coppia pagherà un solo biglietto anziché due.

Chi invece sceglierà il biglietto Grotte Plus potrà visitare anche i Musei MIdA: un biglietto unico, valido per 48 ore, consentirà di fruire della visita guidata alle Grotte di Pertosa-Auletta e della visita guidata al Museo del Suolo e al Museo Speleo Archeologico. Chi acquista, avrà perciò la possibilità di visitare il sistema MIdA in più tempo e non necessariamente in un’unica soluzione.

Le Grotte si estendono per circa tremila metri nel massiccio dei Monti Alburni, in un percorso ricco di concrezioni, dove stalattiti e stalagmiti decorano ogni spazio con forme, colori e dimensioni diverse. Si possono visitare con una visita guidata da 1 ora con il suggestivo tratto in barca sul fiume sotterraneo e con la visita di ambienti pieni di fascino e dai nomi suggestivi come Sala delle Meraviglie, Belvedere, Grande Sala, Sala del Trono, Sala dell’Unione con il “bacio” tra stalattite e stalagmite. E intorno al sistema ipogeo delle Grotte di Pertosa-Auletta si è sviluppata negli anni un’offerta turistica varia e innovativa, avviata grazie alle attività di ricerca degli ultimi anni con nuovi strumenti narrativi: i video in 3d che ricostruiscono le Grotte in epoca preistorica, la realtà virtuale della tecnologia Oculus, i nuovi allestimenti sulle rocce, la collezione dei grani del territorio, i nuovi reperti rinvenuti in grotta, tutti digitalizzati e fruibili attraverso totem e touch screen, presenti nel Museo del Suolo e nel Museo Speleo Archeologico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here