Giornata contro la violenza sulle donne, la Questura di Salerno promuove la campagna di “Questo non è amore”

0
35

Anche la Questura di Salerno, come ormai ogni anno, è scesa in campo contro la violenza sulle donne attraverso una iniziativa di sensibilizzazione rivolta innanzitutto ai ragazzi e, dunque, alle nuove generazioni. Nella mattinata di ieri, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, ha incontrato gli alunni del liceo Alfano I e, con loro, ha dialogato sui temi legati proprio al rispetto della persona puntando sulla diffusione di un sentimento di consapevolezza e di coinvolgimento nel contrasto alla violenza sulle donne.

Il Questore di Salerno Giancarlo Conticchio, protagonista dell’evento, ha voluto innanzitutto evidenziare come, anche chi sa ma non denuncia, diventa corresponsabile di una violenza. Nel suo discorso ha portato esempi chiari di comportamenti da tenere a difesa delle vittime di violenza. Litigi, grida dall’appartamento accanto, ma anche comportamenti che facciano denotare momenti di sconforto o paura, così come sfoghi e confidenze, sono allarmi che, ciascuno di noi, è chiamato a comprendere e magari a denunciare la fine di evitare un intervento tardivo.

Nel corso dell’incontro promosso dalla Questura di Salerno a cui è stato dato il titolo “Questo non è amore”, gli agenti della Polizia di Stato, il Questore Conticchio e la scuola, si sono messi insieme per ricordare le responsabilità di ciascuno nei casi di violenza sulle donne che, troppo spesso, sfociano poi in femminicidi. L’incontro promosso ieri a Salerno a cui ha preso parte anche il Prefetto di Salerno Francesco Esposito, è stato inoltre una importante occasione per presentare i dati relativi in particolare alle denunce arrivate ai centri operativi per chiedere l’intervento delle forze di polizia contro aggressioni in famiglia.

Il Questore Conticchio ha parlato di un considerevole aumento di denunce in questo anno 2023, rispetto allo stesso periodo del 2022. Dato questo che fa comprendere come vi sia maggiore consapevolezza sia dalla vittima che da chi conosce i contesti familiari, dell’importanza di chiedere l’aiuto delle forze dell’ordine. A rafforzare il valore della giornata informativa e formativa contro la violenza sulle donne, è stato inoltre allestito un punto informativo curato dal personale della Polizia di Stato che ha consentito la distribuzione dell’opuscolo “Questo non è Amore” realizzato dalla Direzione Centrale Anticrimine per la campagna permanente 2023.

Inoltre è stato ricordato come, per la denuncia di crimini legati alla violenza sulle donne, è possibile utilizzare l’app YouPol che consente di interagire direttamente con la Polizia di Stato anche attraverso foto o video per segnalare ogni tipo di reato e quindi anche casi di aggressioni e violenze.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here