Donare il sangue al tempo del coronavirus: appuntamenti a Polla e Vallo della Lucania

0
8

{vimeo}396910390{/vimeo}

Donare il sangue al tempo del coronavirus si può. Ed è necessario in questo momento in cui tutte le regioni stanno segnalando una riduzione nella raccolta che viene compensata dalla decisione di rinviare gli interventi chirurgici non urgenti e in elezione. Senza contare i pazienti che ogni giorno continuano ad avere bisogno di trasfusioni. Che sono un Livello Essenziale di Assistenza quindi deve essere garantito e non si possono fermare le donazioni.

E infatti la raccolta non si ferma anche dopo le misure restrittive adottate contro la diffusione del coronavirus. La donazione è compresa tra le “situazioni di necessità” quindi gli spostamenti verso le sedi di raccolta, pubbliche e associative, sono consentiti.

All’Ospedale Luigi Curto di Polla è possibile, come di consueto dal lunedì al venerdì, nulla è cambiato con l’emergenza, ed è organizzata una raccolta straordinaria per domenica prossima, 15 marzo, per tutta la mattinata. Quando, contemporaneamente, è prevista anche presso l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania.

“Ora più che mai vista la comprensibile paura di recarsi in strutture ospedaliere in questi giorni – dice Benedetto Mazzariello che presiede il gruppo Fratres Vallo di Diano – rischiamo di avere un’emergenza nell’emergenza: la mancanza di sangue, come già sta accadendo, con la sospensione di interventi chirurgici e trattamenti terapeutici. Il sangue non si fabbrica, si può solo donare – insiste – L’appello nostro è di recarsi tranquillamente ai centri di raccolta dove in maniera protetta, come sempre d’altronde, tutti possono offrire il loro vitale contributo. I nostri volontari e il personale ospedaliero si predisporrà per evitare assembramenti quindi filtrando gli arrivi. Vi aspettiamo numerosi perché il vostro contributo solidale attenuerà il pericolo di avere altri tragici e pericolosi risvolti in ambito sanitario. Abbiamo tutti un modo per essere attivi contro questa crisi – conclude – uscire di casa solo per motivi importanti: donare e contribuire alla vita è tra questi”.

Rosa ROMANO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here