Comunità Montana Vallo di Diano, verso il rinnovamento dei vertici

0
25

{vimeo}493327357{/vimeo}

Si prospetta un rinnovamento ai vertici della Comunità Montana Vallo di Diano. È questa la volontà emersa da più parti nel corso del consiglio generale dell’ente svoltosi sabato scorso, con uno sguardo, seppur indiretto, anche al rinnovo delle cariche del Consorzio Sociale S10 Vallo di Diano Tanagro e Alburni previsto per la primavera 2021. Nel dicembre del 2015, Raffaele Accetta è stato riconfermato presidente e a gennaio è stata ufficializzata la nuova giunta. In vista quindi della scadenza del mandato si avvia la discussione con la propensione da parte della maggioranza di puntare su nuovi nomi sia per la presidenza che per la giunta.

Nella seduta di sabato, svoltasi a porte chiuse, sembrerebbe non si siano registrate particolari turbolenze ed animi accesi almeno secondo la voce dei presenti. Unica fibrillazione si è registrata al momento della lettura della lettera inviata dal sindaco di Buonabitacolo. Vittorio Esposito, sindaco di Sanza, ha manifestato il suo dissenso alla lettura voltando le spalle, in segno di protesta anche per la mancata partecipazione dello stesso sindaco da cui era peraltro partita la richiesta di convocazione del consiglio generale insieme ad altri tre sindaci dissidenti, ossia Montesano, Polla e Atena. Assente anche il sindaco di Montesano sulla Marcellana Giuseppe Rinaldi, seppur giustificato da motivi di lavoro. I 4 sindaci, di cui presenti solo Polla e Atena, in una nota inviata alcuni mesi fa chiedevano di dare un nuovo indirizzo alla politica territoriale soprattutto all’interno degli enti.

Al consiglio generale della Comunità Montana di Sabato scorso, però, pare non siano arrivate proposte dal gruppo dei dissidenti. Da qualcuno vi era invece l’intenzione di prorogare la presidenza di Accetta almeno fino alla prossima tornata elettorale che coinvolgerà anche il comune di Monte San Giacomo di cui Accetta è sindaco. Tornata elettorale che, però, potrebbe anche slittare al prossimo autunno, pertanto la proposta non era accettabile. È stata invece portata ai voti ed approvata la proposta giunta da Paolo Imparato per la costituzione di un tavolo del centrosinistra nel quale i referenti sono chiamati a presentare la nuova idea di governance che dovrà essere approvata entro tempi certi e celeri ossia entro il 15 gennaio.

Alcuni esponenti hanno voluto chiarire che la decisione di puntare al cambiamento non andrebbe vista come un segnale di sfiducia verso l’attuale amministrazione e verso Accetta. Tra i punti in discussione pare vi sia anche la presenza nella governance del comune di Sassano che al momento, presenta esponenti sia all’interno dell’ente montano che all’interno del Consorzio sociale, mentre alcuni comuni risultano non rappresentati in entrambi gli enti. Una partita quindi che si gioca su un doppio binario tra Comunità Montana Vallo di Diano e consorzio Sociale Vallo di Diano, Tanagro e Alburni.

Anna Maria CAVA

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here