Commercio in crisi nera. Confcommercio Campania:”Evitare il fallimento dipende da aiuti del Governo”

0
18

{vimeo}483062009{/vimeo}

Ripercussioni della pandemia sull’economia. Niente di nuovo, verrebbe da dire. Ma i dati, quando definitivi e peggiori delle aspettative, lasciano sempre l’amaro in bocca.

“Le attività ricettive hanno dimezzato il proprio fatturato con perdite del 50 e 60%, così come la ristorazione. Il commercio tessile, invece, arriva al 70% in meno rispetto al 2019. Un danno che riguarda tutta la collettività”. Apre così, impietoso, l’ultimo comunicato di Confcommercio Campania.

“Le chiusure causano un notevole danno economico alle imprese e ai lavoratori – prosegue la nota -, con l’ulteriore lockdown che produrrà a livello nazionale una riduzione di consumi di circa 17 miliardi e mezzo. Per la Campania poi, dove l’economia si basa per 2/3 sulle attività commerciali e sul turismo, il danno è incolmabile”.

Il rischio fallimento per le attività commerciali, dunque, è sempre più alto. “La ripresa delle attività – conclude Confcommercio Campania – dipende dalla rapidità e dalla quantità di aiuti del Governo. Il sistema bancario ha difficoltà di risposta immediata, le imprese chiedono finanziamenti che stentano ad arrivare”.

Non resta che attendere, a questo punto, un intervento deciso delle Istituzioni, volto a riscrivere un destino, altrimenti, già scritto.

Federico D’ALESSIO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here