Comitato Riattivazione Sicignano-Lagonegro incontra Fulvio Bonavitacola.

0
16

{vimeo}181482557{/vimeo} 

 

Una delegazione del Comitato per la Riattivazione della Sicignano-Lagonegro ha incontrato sabato mattina a Salerno il vice Presidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola per formulare una proposta, vale a dire l’immediata apertura del tratto di circa 25 km Sicignano-Polla, senza aspettare l’istallazione del Sistema di Controllo Marcia Treno. Il servizio dovrebbe essere a spola con un solo treno che circola lungo la tratta facendo avanti e indietro e senza fermate intermedie. Il che permetterebbe di collegare il Vallo di Diano a Salerno quotidianamente. Le corse dovrebbero essere in coincidenza con uno scarto minimo di 10 minuti con i Frecciargento della relazione Taranto – Fiumicino Aereoporto e dei Treni Regionali della Potenza – Salerno, pagati dalla Regione Basilicata, i quali dovrebbero fare tappa a Sicignano degli Alburni. La proposta avanzata in realtà non è nuova, ne parlò la prima volta nel 2013 l’allora AD di Ferrovie dello Stato Italiane, Mauro Moretti, riprendendo il modello della ferrovia Fidenza-Salsomaggiore Terme. Il vice Presidente della Regione sembra aver manifestato interesse e ha promesso al termine dell’incontro che chiederà a Rete Ferroviaria Italiana un preventivo di spesa per la riapertura della tratta. All’incontro hanno presenziato anche il Sindaco di Sicignano degli Alburni, Ernesto Millerosa, e il Sindaco di Sassano e Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Tommaso Pellegrino. Entrambi si sono detti favorevoli alla proposta e all’azione concreta per riportare il treno nel Vallo di Diano. L’appello che il Comitato rivolge alla Regione è quello di spendere le risorse disponibili per il ferro piuttosto che investire ancora sulle strade, in controtendenza con la politica europea.

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here