Codacons presenta esposto sui costi degli abbonamenti mensili

0
11

{vimeo}200808816{/vimeo}

Diversi genitori di studenti del Vallo di Diano hanno segnalato al Codacons che alcune ditte di trasporto hanno preteso e incassato l’abbonamento mensile a prezzo pieno per il mese di gennaio nonostante l’appello lanciato proprio dall’Associazione di commisurare la tariffa mensile al servizio affettivamente reso in questo mese che è stato interessato da abbondanti nevicate e freddo gelido tanto da aver costretto i Sindaci a tenere chiuse le scuole.  Molti istituti scolastici sono infatti rimasti chiusi fino a mercoledì 18 gennaio e già nel comunicato del 15 gennaio il Codacons aveva lanciato l’appello alle ditte di trasporto affinché, alla ripresa delle attività scolastiche, il costo dell’abbonamento di gennaio fosse adeguato al servizio reso. E’ stato segnalato chealcune ditte di trasporto hanno preteso e incassato l’intero importo dell’abbonamento mensile per il mese di gennaio mentre altre hanno preteso il pagamento del biglietto, senza accettare la richiesta di un abbonamento parziale. Il problema si era posto già a settembre quando alcuni genitori degli studenti del Vallo di Diano avevano segnalato all’associazione che, seppure le attività scolastiche fossero iniziate a metà mese circa, le tariffe pagate per il trasporto da e per gli istituti scolastici erano state piene. Alla luce di tutto ciò e considerato il delicato momento di profonda e diffusa crisi economica, il Codacons ha sentito il dovere di dar seguito all’esposizione di questi fatti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro, per tramite del Comando della Compagnia dei Carabinieri di Sala Consilina, chiedendo di ordinare accurate indagini presso le maggiori ditte di trasporto pubblico del Vallo di Diano. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here