Cilento, carabinieri a lavoro per l’esecuzione di misure cautelari. 2 casi di atti persecutori in famiglia. A Roccadaspide un uomo aggredisce militari

0
126

Forze dell’ordine a lavoro in questi giorni in Cilento dove i carabinieri hanno dato seguito ad una serie di provvedimenti restrittivi emessi dai tribunali competenti. A lavoro i carabinieri di Roccadaspide, Stella Cilento ed Agropoli. In due delle tre operazioni, i carabinieri sono dovuti intervenire per atti persecutori dando seguito ad ordinanze di divieto di avvicinamento. Due casi che si sono verificati entrambi nel Cilento con i decreti emessi dal Tribunale di Vallo della Lucania.

Nel dettaglio, a Stella Cilento i carabinieri della stazione di Sessa Cilento hanno dato seguito all’ordinanza emessa dal GIP vallese, di allontanamento dalla casa familiare con la prescrizione di non farvi più rientro e conseguente divieto di avvicinamento alla persona offesa. Il provvedimento si è reso necessario nei confronti di un 54enne accusato di maltrattamenti contro familiari e conviventi e lesioni personali. Pare infatti che l’uomo, in più occasioni, avrebbe maltrattato l’ex compagna. Provvedimento simile è arrivato ad Agropoli dove, in questo caso, il provvedimento restrittivo è stato eseguito nei confronti di una donna di 40 anni che risulta indagata per atti persecutori nei confronti dell’ex marito. Ad dare seguito al provvedimento emesso su richiesta della Procura presso il Tribunale di Vallo della Lucania, i Carabinieri di Agropoli.

Resistenza e lesioni a pubblico ufficiale invece, è il reato di cui si è reso responsabile un uomo di Roccadaspide che è stato tratto in arresto dai carabinieri della Stazione di Matinelle. L’uomo, secondo quanto emerge, pare che, nel corso di un’attività di controllo alla circolazione stradale da parte dei militari dell’arma, era alla guida dell’auto sotto l’influenza di alcool e di sostanza stupefacente. Invitato a presentare le proprie generalità l’uomo avrebbe aggredito i militari al fine di evitare il controllo. Per l’uomo, dunque sono scattate le manette.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here