Cilentana, anomalie al viadotto “Acquarulo”, Anas chiude il tratto Vallo della Lucania – Massicelle

0
38

È a rischio un viadotto sulla Cilentana e Anas ha chiuso il tratto interessato che è quello tra Vallo della Lucania e Massicelle nel territorio comunale di Ceraso. “A seguito delle consuete attività di sorveglianza effettuate dal personale di Anas, è stata riscontrata un’anomalia in corrispondenza di un giunto di dilatazione del viadotto ‘Acquarulo’, che rende necessari ulteriori approfondimenti, alcuni dei quali già eseguiti da personale tecnico specializzato mediante l’ausilio del bybridge. Il transito è interdetto dallo svincolo di Vallo della Lucania (km 136,100) allo svincolo di Massicelle (km 150,000) e la circolazione viene deviata, con indicazioni in loco, lungo la strada regionale – ex SS18. Il traffico locale è consentito per Ceraso, Futani e Cuccaro.

“Si profilano danni gravissimi per il territorio” è il commento del senatore Francesco Castiello.  “Dopo una stagione turistica mediocre, per non dire critica, qual è quella registrata nell’estate 2023 – dice – piove sul bagnato: chiude la Cilentana per cedimenti strutturali al viadotto poco prima della galleria San Vito di Cuccaro Vetere. Occorrerà, con ogni probabilità, demolirlo e ricostruirlo e non è cosa da poco, trattandosi di un viadotto a 7 campate, di 218 metri di lunghezza. Purtroppo il piano di interventi urgenti che prevedeva opere di consolidamento strutturale del viadotto, non è stato finanziato. Salvini è tutto preso dal ponte sullo Stretto di Messina, in attesa che il primo serio terremoto lo inghiotta. Intanto lo costruisce per dare il suo nome ad un’impresa faraonica, trascurando la manutenzione delle opere esistenti, che cadono a pezzi. È così che è stata definanziata la galleria San Vito, anch’essa ad alto rischio, i cui lavori dovevano iniziare nell’autunno 2022 e non sono mai iniziati. Ed è così che non è stato finanziato l’intervento urgente sul viadotto ora colpito da cedimento strutturale. Faremo tutto quanto ci è possibile, come forza di opposizione – conclude – per vedere ridotti i tempi di progettazione e di esecuzione dell’intervento di consolidamento del viadotto e di riapertura della Cilentana, la nostra unica, infungibile infrastruttura viaria”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here