Certosa Spirits Festival: con migliaia di visitatori e 40 aziende si chiude la prima edizione

0
286

Con migliaia di visitatori e circa 40 aziende presenti, si è chiusa la prima edizione del Certosa Spirits Festival, candidandosi a diventare l’evento di riferimento per i professionisti del mondo della liquoristica in Campania.

Organizzata da Monaci Digitali e finanziata dal Gal Vallo di Diano, la manifestazione ha riunito per tre giorni a Padula, in provincia di Salerno, nella splendida cornice della Certosa di San Lorenzo, produttori, operatori ed esperti del settore food&beverage, appassionati e comunità locale.

“Abbiamo scommesso su un evento fuori dagli schemi: i risultati, in termini di connessione e presenza, confermano le nostre aspettative.”, ha dichiarato la presidente del Gal Vallo di Diano, Angela D’Alto, durante il talk con i produttori nell’area espositiva del festival. “È stata una scelta coraggiosa, ma determinata. Abbiamo deciso di puntare su grandi eventi trasversali, in grado di rappresentare al meglio il territorio e le sue eccellenze, anziché finanziare piccole manifestazioni scollegate. E questa decisione è apparsa vincente, come dimostrano i risultati del Certosa Spirits Festival”, ha commentato con soddisfazione la presidente del Gal Vallo di Diano.

Un evento che ha permesso di far incontrare eccellenze del territorio con realtà provenienti da tutta Italia: un modo per contaminarsi, conoscere le storie e i territori di cui ogni prodotto è espressione, offrire alle aziende di settore opportunità di network e formazione con workshop e masterclass.

Tra i workshop in programma, “Vallo a Bere”: un laboratorio partecipato di co-progettazione a cura di Orme Sharing & Research, nel corso del quale bartender e operatori di settore fianco al fianco a designer e creativi hanno prima visitato la Valle delle Orchidee e conosciuto le caratteristiche delle erbe spontanee del territorio, area dalle biodiversità vegetali più vaste d’Europa, per poi realizzare una drink list (e la sua espressione visiva) che lo rispecchiasse, pronta da donare alla comunità del Vallo di Diano. Il workshop, che ha ospitato i partecipanti dal 13 al 15 giugno, ha avuto come guida Vincenzo Pagliara, bartender of the year 2022 e Enrico Ausiello e Roberto Ciarambino per 17studio. Tre giorni di vicinanza, studi, processi creativi e realizzazione: learning by doing, una metodologia dell’apprendere attraverso il fare, che ha attivato sinergie e mostrato quanto il welfare di comunità abbia necessità di processi collaborativi.

Tre giorni di “spirito” giusto, ricchi anche di iniziative per la promozione dell’inclusione sociale e la sensibilizzazione: tra i protagonisti indiscussi del Festival, i ragazzi della Bottega dei Semplici Pensieri, associazione che si occupa di formazione e inserimento lavorativo di persone con sindrome di down e lievi deficit intellettivi, al lavoro al banco bar centrale, con il loro Brindisi Solidale, dall’apertura degli stand fino a notte inoltrata in un sistema di collaborazione che, a catena, ha coinvolto l’Associazione Insieme Possiamo, la cui mission è rivolta sempre a tematiche di autonomia, inclusione sociale e “dopo di noi” di ragazzi con disabilità, e i ragazzi della Cooperativa Sociale Il Sentiero, che si occupa, sul territorio, di promuovere l’accoglienza e l’integrazione dei cittadini stranieri.

Momento di connessione tra il mondo degli spirits e quello della miscelazione è stata la “Certosa Spirits Cup”, competizione di mixology tra 12 bartender professionisti provenienti da tutta Italia che hanno partecipato ideando la ricetta di un cocktail ispirato al territorio dal quale provengono. A trionfare su tutti è stato Domenico Sorrentino di Pomezia, mentre a un soffio dalla vittoria è arrivato Andrea Mango di Castelnuovo Berardenga. Infine, il terzo posto è andato a Gerardo Perrone di Sassano.

L’ultima giornata della manifestazione è stata anche l’occasione per assegnare diversi riconoscimenti, alla fine del lungo e faticoso lavoro che ha coinvolto un folto numero di volontari, professionisti, consulenti e sponsor tecnici.

Doverosi i riconoscimenti al Gal Vallo di Diano per lo straordinario sostegno alle attività locali e il finanziamento destinato all’evento, così come a Edoardo Schiazza, fondatore di Amaroteca, per aver dedicato la sua carriera nella divulgazione della cultura degli amari.

Al professore Nicola Di Novella, quello per l’impegno e la passione per la natura. Direttore scientifico del Museo delle Erbe di Teggiano e docente presso la Scuola Superiore di Fitoterapia AIFF, da oltre 40 anni, Di Novella promuove la conoscenza delle piante endemiche e difende il territorio del Vallo di Diano dai rischi collegati all’inquinamento ambientale.

Un “monachello in pietra di Padula” è stato inoltre consegnato a Riccardo Di Novella, per l’eccellenza Ecoturistica e in qualità di direttore scientifico dell’Ecomuseo della Valle delle Orchidee di Sassano.

Tra i produttori ospiti di questa prima edizione, il riconoscimento “Miglior storia” è andato a “Sapori & Saperi e AIAS Sezione Cetraro (CS) Onlus”, produttori dell’Amaro 30 Nodi, nato con lo scopo di dare un’opportunità formativa e lavorativa ai giovani calabresi provenienti da situazioni di povertà educativa, sociale e familiare, ospiti presso la comunità socio educativa “lo Scoiattolo”.

Per la sezione “Creatività&Design” si è fatta notare l’azienda “Passaré Antico Molise”, un connubio unico tra l’arte della distillazione e il fashion design.

Un riconoscimento legato alla filosofia aziendale e territoriale è andato a “Cilento, i sapori della terra”, un laboratorio artigianale di prodotti tipici e di sperimentazioni atipiche, nel quale si tramandano le abitudini e i costumi del Cilento, la terra che diede i natali a Parmenide e alla Scuola Eleatica.

“Abbiamo lavorato per unire le esigenze di tutte le anime di questa manifestazione: produttori, esperti, professionisti del settore e semplici appassionati. Settorializzazione, multidisciplinarità e momenti di intrattenimento popolare sono stati la chiave per creare l’habitat ideale per opportunità di business, formazione e divulgazione”, ha commentato Gianluca Vegliante, organizzatore dell’evento e rappresentante di Monaci Digitali. “I risultati ci incoraggiano a proseguire in questa direzione. Il nostro obiettivo è far crescere questo territorio e creare una comunità fatta di persone orgogliose delle proprie radici”, ha concluso Vegliante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here