CER Polla, individuati i beni pubblici da mettere a disposizione della Comunità energetica

0
131

A Polla l’amministrazione Loviso viaggia spedita verso la Comunità energetica rinnovabile, pianificando i passi da fare per arrivare a costituirne una sul territorio comunale. Nei giorni scorsi ha anche individuato i beni pubblici da mettere a disposizione dell’iniziativa.

La giunta aveva approvato a marzo la delibera di indirizzo per valutare la possibilità di crearne la “CER Polla” cercando famiglie e imprese interessate e anche un soggetto facilitatore ed erogatore di servizi.

Ora ha deciso i beni pubblici di proprietà comunale per l’installazione degli impianti fotovoltaici. E sono: la Casa comunale in Via strada delle Monache; il Centro sociale polifunzionale Don Bosco in località San Pietro; i Plessi scolastici;  l’Impianto sportivo “A. Medici” in località San Giovanni; l’Isola Ecologica nell’Area Industriale; l’Impianto di Depurazione in località Maltempo; l’Immobile in Piazza Ritorto, sede del GDP e della PL; la Chiesa della Trinità; il Convento Sant’Antonio; e il Cimitero.

L’amministrazione Loviso è convinta che percorrere la strada della transizione energetica sia necessario. “Le Politiche energetiche europee e nazionali, per centrare gli obiettivi della transizione energetica – si legge nella delibera di giunta – puntano alla centralità del cittadino consumatore/produttore. E le Comunità energetiche rappresentano un fattore trainante, permettono ai cittadini di creare forme innovative di aggregazione e di governance nel campo energetico, capaci di favorire una maggiore equità del mercato dell’energia e una maggiore sostenibilità; e il ruolo del Comune è centrale, come soggetto che facilita la comunicazione e favorisce il coinvolgimento dei cittadini, potendo anche decidere di far parte direttamente della Comunità energetica”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here