Capaccio Paestum, Wwf Silentum: interventi di potatura impropri su piante di eucalipto

0
49

A Capaccio Paestum sarebbero in corso interventi di potatura impropri e sulla vicenda interviene il Wwf Silentum,

Alcuni cittadini – spiegano dall’associazione di protezione ambientale – hanno documentato e segnalato le operazioni che stanno interessando centinaia di grosse piante di eucalipto su via Ponte Marmoreo dove ce ne sono di discrete dimensioni piantate in doppio filare ai tempi delle bonifiche, con lo scopo specifico di bonificare l’area e fungere da barriera frangivento, e con età stimata per taluni esemplari anche di 80 anni. Appaiono in pieno vigore vegetativo con numerosi rami e folte chiome.

Le operazioni in atto di “capitozzatura” degli esemplari di eucalipto, così come documentate, non ci appaiono né razionali né scientificamente corrette in quanto stanno comportando un’amputazione delle strutture arboree tali da danneggiare irrimediabilmente la stessa vitalità delle piante con tagli sfrangiati e slabbrature di corteccia, il tutto peggiorato da una temperatura al di sopra della media. I tagli operati hanno comportato l’accorciamento in modo importante e indiscriminato delle branche principali e l’abbassamento del fusto effettuato con mezzi meccanici cingolati di notevoli dimensioni. In questo modo gli alberi si sono ritrovati senza chioma e senza la propria forma architettonica naturale. Qualsiasi che siano state le motivazioni addotte a tale potatura non giustificano affatto lo scempio perpetrato ai danni degli esemplari arborei.

Il Wwf si dichiara fiducioso che la ditta incaricata sia in possesso di tutte le autorizzazioni e che la stessa rispetti la normativa del Codice della Strada durante l’attività svolta con mezzi mobili sulla strada adiacente al filare alberato e che rispetti la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro per l’incolumità sia dei propri operai che dei cittadini in transito. Chiede di sospendere ad horas le operazioni in atto; di posticipare alla fine dell’inverno gli interventi limitandoli ad una ordinaria e razionale potatura di rimonda e sfoltimento delle chiome; di tenere presente l’osservanza dei Criteri Ambientali Minimi a carico delle ditte affidatarie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here