Caggiano. Continua “Mensa a metro zero e zero rifiuti”: a scuola il pomodoro

0
15

{vimeo}452809779{/vimeo}

Va avanti a Caggiano, anche per il prossimo anno scolastico, il progetto Mensa a Metro Zero e Zero Rifiuti che vede il Comune, da 14 anni, puntare sull’utilizzo di prodotti a chilometro zero per la preparazione dei pasti a scuola.

L’iniziativa promuove, sostenendo la filiera corta, il consumo di prodotti agricoli locali quindi le buone pratiche dell’educazione alimentare uniti alla consapevolezza di cosa mangiano i ragazzi.

Ogni anno i prodotti locali (patate, ceci, fagioli, olio extravergine, passata di pomodoro…), seguendo la stagionalità, vengono consegnati dalle stesse famiglie dei bambini fruitori del servizio di mensa scolastica. È stato creato così un circolo virtuoso basato su una moderna formula di baratto che consente alle famiglie di scambiare i prodotti del proprio orto con le quote del servizio a proprio carico avendo così la certezza della qualità di ciò che i propri bambini mangeranno a scuola.  E in questo periodo i genitori degli alunni stanno consegnando il pomodoro di produzione propria per la trasformazione in passata da parte di laboratorio locale autorizzato. Poi tocca all’olio extravergine d’oliva da consegnare ai frantoi che hanno aderito all’iniziativa. E così via. L’amministrazione comunale ha anche sottoscritto un protocollo d’intesa con un’azienda del posto per la fornitura di pasta di semola locale.

“L’obiettivo principale – spiegano dal Comune – è sempre quello di fornire ai nostri studenti alimenti di migliore qualità contenendo, attese le condizioni di crisi economica che colpiscono le famiglie, il costo sia del servizio che del ticket mensa e nel contempo educarli ad una sana e genuina alimentazione”. Nato come una sfida, coraggiosa, il progetto è diventato ormai una realtà consolidata da 14 anni e preso a modello da altri comuni italiani.

Rosa ROMANO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here