Buccino, no alle fonderie Pisano. Pronta la nuova battaglia.

0
15

{vimeo}261294388{/vimeo}

Tornano ad alzare muri e barricate a Buccino per la paventata ipotesi di delocalizzazione proprio presso l’area industriale del comune delle temute Fonderie Pisano dopo che la famiglia ha dovuto lasciare la sua storica sede di fratte.

Una querelle che va avanti da anni e che, sempre più prepotentemente, pare aver individuato Buccino area idonea dove far ripartire la produzione. Una eventualità a cui si è subito e senza mezzi termini opposto il sindaco Nicola Parisi che ha sollecitato immediatamente anche le amministrazioni comunali dei paesi vicini ad essere vicini alla comunità buccinese in questa battaglia.

La storia si ripete perché, già lo scorso anno si era parlato dell’arrivo delle fonderie Pisano sollevando una forte agitazione. Sembrava storia superata e partita vinta ma ora, dopo l’apertura del bando del consorzio Aree di Sviluppo Industriale con la messa a disposizione di 9 lotti per la delocalizzazione delle Fonderie Pisano pare che la battaglia debba riaprirsi.

Dei 9 lotti individuati solo quello di Buccino avrebbe le caratteristiche per poter ospitare le fonderie. Seppur ancora le buste non sono state aperte pare sempre più ovvia la scelta dei Pisano.

In questa situazione il sindaco Nicola Parisi già dallo scorso febbraio ha iniziato la sua battaglia proponendo una variante nella destinazione d’uso dell’area della zona industriale che con determina è stata individuata come distretto agroalimentare. E il primo cittadino di Buccino non si è fermato qui.

A rafforzare ulteriormente il provvedimento in attesa che possa essere trasformato in definitivo, è arrivata ieri sera la nota con nuove disposizione per l’Ufficio tecnico Comunale in cui è stata ordinata la sospensione di tutti i permessi a costruire e relative varianti che interessano la zona industriale di Buccino. Intanto ha anche scritto al consorzio per chiedere l’annullamento del bando di gara in questione.

A dare man forte a Nicola Parisi anche i colleghi sindaci dei comuni dell’area del Cratere quali Palomonte, Contursi Terme e Oliveto Citra che sono pronti a scendere in campo per dire No alla delocalizzazione nell’area industriale di Buccino alla Fonderie Pisano

 

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here