Blitz di Coldiretti al Porto di Salerno: arrivata nave con pomodoro “falso”

0
148

“Occorre fermare le importazioni sleali, introducendo con decisione il principio di reciprocità per fare in modo che tutti i prodotti che entrano nell’Unione rispettino gli stessi standard dal punto di vista ambientale, sanitario e del rispetto delle norme sul lavoro previsti nel mercato interno”. È quanto sostiene con forza Coldiretti che questa mattina ha fatto partire i blitz nei porti di Salerno e Bari per difendere il nostro Made in Italy dall’invasione di prodotti stranieri.

A Salerno è arrivata una nave con 40 container di concentrato di pomodoro cinese accusato di essere ottenuto con lo sfruttamento del lavoro delle minoranze. Il carico era partito lo scorso 29 aprile sul treno della China-Europe Railway Express per essere trasferito su nave e arrivare nel porto di Salerno dopo un viaggio di diecimila chilometri tra binari e mare. Il 90% del concentrato di pomodoro cinese destinato all’esportazione viene dai campi della regione dello Xinjiang, dove verrebbe coltivato grazie al lavoro forzato degli uiguri. Un fenomeno denunciato dalle associazioni per il rispetto dei diritti umani.

Lo scorso anno l’Italia ha importato 85 milioni di chili di pomodoro trasformato cinese, proveniente in gran parte proprio dallo Xinjiang nonostante il fatto che gli Stati Uniti abbiano vietato tale importazione sul proprio territorio dal gennaio 2021 per evitare di sostenere il lavoro forzato.

Stamattina gli agricoltori di Coldiretti hanno denunciato tutto questo e, una volta saliti sui gommoni, hanno avvicinato le navi al grido di “No fake in Italy”, “Stop falso cibo italiano” e “Basta import sleale”. Sono alcuni degli slogan esposti dalle imbarcazioni, per rilanciare ancora una volta la richiesta della revisione del criterio dell’ultima trasformazione del Codice doganale sull’origine dei cibi, quello che oggi permette il furto d’identità dei nostri prodotti Made in Italy e fa vendere come italiano un prosciutto fatto con cosce di maiale provenienti dall’estero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here