Biciclette turistiche sui binari della Sicignano-Lagonegro, la Fondazione MIdA rilancia

0
13

{vimeo}104385572{/vimeo}
Speciali biciclette a 6 ruote sui binari della tratta Sicignano- Lagonegro: la Fondazione MIdA rilancia con forza il progetto che prevede la concessione in comodato d’uso del tratto della Sicignano- Lagonegro compreso tra la Stazione di Pertosa e quella di Auletta, per sperimentare l’originale modello di fruizione turistica di bici su rotaie, che rimanda alla riuscita esperienza francese di velorail, da estendere successivamente e e progressivamente quasi all’intero percorso della tratta ferrata, almeno fino a Casalbuono. Ovviamente in attesa del ripristino della Sicignano-Lagonegro. La proposta della Fondazione Mida, lanciata per la prima volta nel 2012, era stata a Maggio del 2013 inoltrata a Rete Ferroviaria Italiana, con la relativa richiesta di concessione in comodato d’uso dei binari compresi tra Pertosa Auletta. L’iniziativa aveva però immediatamente scatenato proteste e polemiche da parte del comitato pro ferrovia, che da anni si batte per la riapertura della tratta ferrata, e che l’aveva bollata come inaccettabile proprio in virtù delle azioni in corso per la riattivazione della Sicignano-Lagonegro. Dopo un periodo di relativo silenzio, arriva ora il rilancio in grande stile dell’iniziativa da parte della fondazione MIdA, che si è fatta promotrice di un nuovo documento di richiesta indirizzato a RFI, che vede come primo firmatario l’Euro deputato Gianni Pittella. In calce alla richiesta ci sono anche le firme dei sindaci dei comuni di Auletta, Pertosa, Petina, Polla e Sicignano degli Alburni, e del Club Alpino Italiano. Novità importante –evidenziata nero su bianco all’interno del documento- è che considerate le attività del Comitato Pro Ferrovia per la riattivazione della stessa, e l’impegno in tale direzione di alcuni parlamentari, consiglieri regionali e politici locali, i firmatari della richiesta dichiarano di essere disponibili a rinunciare alla assegnazione del comodato d’uso dei binari in caso di effettiva riattivazione della linea ferroviaria. L’adozione del primo tratto della ferrovia, compreso tra Pertosa ed Auletta, consentirà secondo la Fondazione MIdA la liberazione dello stesso dalla vegetazione e da altri impedimenti, assicurandone la manutenzione e l’utilizzo con modalità di valorizzazione rispettose dell’ambiente ed eco-sostenibili, integrando tale attività in un più ampio complesso di offerta turistica e naturalistica. Insomma in attesa dell’auspicato ripristino del treno sulla Sicignano Lagonegro, la Fondazione MIdA punta sull’utilizzo delle speciali biciclette turistiche sui binari, per favorire lo sviluppo economico e sociale. Al nuovo documento di richiesta a Rete Ferroviaria Italiana la Fondazione presieduta da Francesco Antonio D’Orilia ha collegato anche una raccolta di firme per avallare l’iniziativa, che nei 3 giorni di Negro Festival ha toccato già quota 500 firme.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here