Banca Monte Pruno. Sabato scorso la convention a Salerno. Numeri eccellenti per il 2017

0
14

{vimeo}247787209{/vimeo} {vimeo}247787142{/vimeo}

Nati per correre è il titolo della convention organizzata dalla Banca Monte Pruno per presentare anticipatamente ai propri dipendenti i risultati dell’anno che si avvia alla conclusione ma anche per presentare i futuri progetti su cui l’istituto di credito diretto da Michele Albanese intende lavorare. Un grande e inaspettato successo in tutte le aree di competenza della Banca Monte Pruno con numeri decisamente in crescita anche nella Valle dell’Irno, area su cui hanno iniziato ad operare proprio in questo 2017. Cresce il gruppo Banca Monte Pruno e crescono i numeri ma bisogna ancora correre e correre veloci in vista di un nuovo anno che vedrà la Banca Monte Pruno impegnata a fare i conti con il cambiamento. La Convention si è aperta con il saluto del presidente della Banca Monte Pruno Anna Miscia orgogliosa della nuova e grande squadra che si è venuta a creare. A seguire è toccato al vice direttore Cono Federico esporre i dati di questo 2017, analizzando il percorso fatto, riassumendo i momenti più salienti vissuti, senza nascondere le difficoltà ed evidenziandone il brillante superamento con risultati più che soddisfacenti. Eccezionali i numeri che caratterizzano questo 2017. 700 milioni di raccolta e 509 milioni di impieghi per un risultato finale che parla di 1 miliardo e 200 milioni totale. Numeri sorprendenti quello presentati dal Dott. Federico che sono frutto di un metodo operativo che ha reso l’istituto di credito una Banca Amica. Un modus operandi che è stato spiegato dal vice direttore area mercato Antonio Pandolfo che ha evidenziato come da sempre, l’ascolto del cliente e il cercare di venire incontro a quelle che sono le sue esigenze finanche nell’orario, è il fattore predominante nel lavoro e nell’organizzazione dell’attività. Presente alla convention di fine anno anche il giornalista Luca Donadoni di RTL che ha elogiato la Banca e la sua grande efficienza sottolineando come il Sud Italia, grazie ad eccellenze come l’istituto di credito diretto da Michele Albanese possano essere il motore trainante per la ripresa dell’Italia. 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here