Banca Monte Pruno. Il vice direttore Area Mercato Pandolfo parla dei risultati importanti post fusione

0
20

{vimeo}256053804{/vimeo}

 Un 2017 intenso ed importante per la Banca Monte Pruno che è stato caratterizzato dall’approdo in una realtà grande e, allo stesso tempo, complicata come la Provincia di Salerno e la stessa città di Salerno. Tanti i timori dovuti anche alla diversità di gestione dei territori su cui ha operato l’istituto di credito diretto da Michele Albanese e su cui si apprestava ad entrare sul mercato.

Il risultato ottenuto è stupefacente parlando di raccolta e impieghi che si sono quasi raddoppiati rispetto allo scorso anno e ancora una volta con numeri importanti per ciò che riguarda l’utile netto di esercizio.

A ciò si aggiunge anche una importante crescita nel numero di filiali con l’inaugurazione nello storico anno 2017 in cui la Banca Monte Pruno ha festeggiato i 55 anni dalla sua costituzione della filiale di Padula e della sognata filiale di Salerno con conseguente apertura anche di uffici amministrativi lungo il centralissimo Corso Vittorio Emanuele.

Tanti momenti importanti che hanno comportato anche notevoli investimenti che, la Banca Monte Pruno è riuscita con grande effetto a sostenere riuscendo anche a mantenere la sua caratteristica di banca creatrice di valore.

Di questo anno importante e dei numeri rilevanti che da poco ufficializzati ne parla il  Vice Direttore Area MercatoAntonio Pandolfo

Anna Maria Cava

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here