Auletta, frana sulla SS19: firmato protocollo d’intesa tra Regione Campania e ANAS per il ripristino

0
8

{vimeo}94373089{/vimeo}
Arrivano buone notizie per la situazione di emergenza creatasi nel territorio di Auletta in seguito alla frana verificatasi sul tratto della strada statale 19 “delle Calabrie” lo scorso 23 gennaio, e che ha costretto l’ANAS alla chiusura dell’arteria tra i km 46,000 e 47,400. E’ stato infatti positivo l’esito dell’incontro tenutosi presso la Presidenza della Giunta regionale della Campania, alla presenza del Governatore Stefano Caldoro, del Sottosegretario alle Infrastrutture On.le Del Basso De Caro, del Dott. Gargiulo, Responsabile Fondi Europei, del Consigliere regionale Donato Pica e dei vertici regionali dell’ANAS. “Si è convenuto –conferma il consigliere regionale del Vallo di Diano- di stipulare un protocollo d’intesa tra ANAS e Regione Campania, attraverso il quale l’ANAS s’impegna alla redazione del progetto cantierabile, alla copertura di un terzo della spesa necessaria, e alla gestione relativa all’appalto e la esecuzione dei lavori. Dal canto suo –sottolinea Pica- la Regione Campania concorrerà alla messa in sicurezza dell’area e al ripristino dell’Arteria con una somma pari a circa 4 milioni di euro, che verrà imputata sui Fondi europei di accelerazione della spesa”. Al termine dell’incontro viva soddisfazione espressa dal Consigliere Pica, che ha ringraziato l’ANAS, il Sottosegretario Del Basso ed il Presidente Caldoro, per la disponibilità e la prontezza dell’intervento messo in campo. Dunque una buona notizia per i cittadini della comunità aulettesa, in particolare per i residenti nella zona interessata dalla frana che, dallo scorso 23 gennaio, sono sottoposti a pesanti disagi. Con il trascorre del tempo il movimento franoso non si è arrestato, ma anzi ha proseguito la sua azione danneggiando l’arteria stradale per un ulteriore centinaio di metri rispetto al punto maggiormente interessato, nel quale si è venuta a creare una vera e propria voragine, a pochi metri anche alle abitazioni della zona.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here