Allarme sicurezza sul territorio, le proposte della Lega – Vallo di Diano

0
10

{vimeo}265733453{/vimeo}

“Nei prossimi giorni sarà convocato un tavolo al quale prenderanno parte tutti i sindaci del Vallo di Diano per discutere su quali azioni intraprendere per arginare il fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti soprattutto tra i giovani”. Lo ha annunciato – dalle pagine del quotidiano LaCittà – Raffaele Accetta, sindaco di Monte San Giacomo nonché presidente della Comunità montana Vallo di Diano. A proporre l’incontro il sindaco di Buonabitacolo, Giancarlo Guercio, quando ha preso la parola ai funerali di Antonio Alexander Pascuzzo.

Sul tema intanto interviene la Lega – Vallo di Diano: “Noi – sostengono – lo diciamo da anni che il nostro territorio ha bisogno di un progetto per la sicurezza e i fatti purtroppo ci danno ragione. Nel Vallo di Diano abbiamo un problema di spaccio di droga anche tra i giovanissimi ma anche un aumento di furti ai danni di aziende e privati. La stessa DIA indica la nostra zona come crocevia del traffico di stupefacenti. Oggi è arrivato il momento di fare proposte serie e concrete. Noi come Lega Vallo di Diano vogliamo presentare la nostra agli amministratori del Vallo in procinto di riunirsi. Auspichiamo che vengano migliorate le condizioni di sicurezza non solo in termini oggettivi ma anche di percezione da parte dei cittadini. Pertanto chiediamo l’intervento dell’esercito per il rafforzamento dell’attività di controllo al fine di rendere le nostre strade più sicure”.

“A ciò – continuano – vorremmo si affiancasse un’attività di prevenzione. Proponiamo quindi ai comuni di esternalizzare la gestione del servizio relativo al procedimento sanzionatorio delle violazioni del codice della strada e di polizia amministrativa, così da poter affidare al corpo di Polizia Municipale le funzioni di prevenzione dei reati, come stabilisce l’art.3 della Legge quadro n.65 del 7 marzo 1986. Chiediamo inoltre alle associazioni presenti sul territorio di aiutarci ad istituire uno “Sportello Amico” per i tanti giovani che hanno bisogno di aiuto, così che invece di rifugiarsi nella droga possano avere un punto di riferimento a cui rivolgersi. Siamo consapevoli di non avere la bacchetta magica – concludono dalla Lega Vallo di Diano – ma i problemi vanno affrontati un po’ alla volta a piccoli passi sperando che i sindaci accolgano la nostra proposta”.

Rosa Romano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here