Stazione AV, Corrado Matera: “Definita l’ubicazione. Sarà a Padula/Buonabitacolo”

0
7308

La Stazione dell’Alta Velocità per il Vallo di Diano sarà nell’area di confine tra Padula e Buonabitacolo. A darne notizia il Consigliere Regionale Corrado Matera attraverso il suo profilo social che, ripercorrendo le attività volte nel seguire le procedure relative alla realizzazione della linea ferroviaria Salerno Reggio Calabria e l’ipotesi di stazione nel Vallo di Diano, ricorda come tutto è stato confermato in riferimento a quanto già ipotizzato da diversi mesi da RFI con la realizzazione della Stazione dell’Alta Velocità a Padula, nei pressi dello svincolo autostradale. Una importante conferma per il Vallo di Diano che, nei mesi scorsi aveva temuto l’ennesimo scippo dopo le parole della sindaca di Lagonegro e gli annunci arrivati al sindaco di Sanza Esposito da parte di consiglieri regionali della Basilicata.

La stazione dell’Alta Velocità nel Vallo di Diano – annuncia Matera –  è sempre più vicina. Ho seguito passo passo, giorno per giorno, tutte le procedure e le analisi che Rete ferroviaria italiana, d’intesa con il Ministero delle Infrastrutture, ha effettuato nel corso di questi anni e dell’ultimo anno in particolare.  Quanto ho sostenuto da un anno a questa parte, insieme con l’amico Raffaele Marmo da Roma – ricorda Matera -, e indicato puntualmente anche nel manifesto pubblicato a fine dicembre, viene confermato dal Piano di fattibilità tecnico-economica relativo al primo sub-lotto Battipaglia-Romagnano.

Come si vede (dai documenti allegati) nella Relazione generale sull’intero progetto dell’Alta Velocità, la stazione dell’Alta Velocità sarà ubicata nel Vallo di Diano, nei pressi di Padula/Buonabitacolo, non lontano dallo svincolo autostradale. Non possiamo che essere sodisfatti – dichiara in conclusione il Consigliere Regionale Corrado Matera – di questa nuova tappa raggiunta, ma non ci fermeremo nel seguire il progetto fino alla sua realizzazione contrastando qualsiasi aziona da tempo diretta ad indebolire la tenuta del progetto”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here